I “furbetti” della tassa di soggiorno

L’operazione messa a segno dalle Fiamme Gialle in penisola sorrentina, relativa ai mancati o ritardati versamenti della tassa di soggiorno, ha il merito di avere individuato e segnalato i responsabili di azioni che hanno procurato danni alle casse degli enti locali coinvolti.
In questo quadro, la situazione di Sorrento non desta, per fortuna, particolare preoccupazione.
Le indagini hanno infatti appurato la presenza di una sola struttura ricettiva che non ha, allo stato, ancora versato all’erario comunale quanto dovuto per l’anno 2017, per una cifra complessiva di circa trentamila euro.
Sul fronte della lotta all’abusivismo, si segnala altresì un impegno quotidiano da parte del nostro comando di polizia locale, che attraverso controlli capillari ha già individuato numerose strutture ricettive non autorizzate. In aumento, al contrario, il numero di tante attività che lavorano nel rispetto delle regole e della legge.